4 Miti sugli Odiatori dei Veicoli Elettrici e perché si sbagliano

veicoli elettrici

I veicoli elettrici a batteria sono uno degli argomenti più importanti quando si parla di fonti energia rinnovabili e sono stati il ​​raggio di speranza per le vendite di automobili durante la pandemia.

In Europa, i dati JATO indicano la percentuale di veicoli elettrici elettrici ibridi, veicoli elettrici ibridi e plug-in ibridi al 18% delle registrazioni totali a luglio. Ma nonostante le crescenti vendite c’è molta negatività sui veicoli elettrici, alimentata dalla paura del cambiamento e forse da coloro che hanno interessi acquisiti nel mantenere lo status quo. Ne derivano enormi discussioni online sui veicoli elettrici, quindi ecco quattro dei temi più frequenti.

I veicoli elettrici sono realizzati con minerali inquinanti estratti dai bambini

Sentire questo argomento da chiunque proponga che i veicoli che funzionano con carburante a base di petrolio sono più ecologici dei veicoli elettrici ti fa chiedere se guardino mai le notizie. L’ atroce sversamento a Mauritius è solo l’ultimo di un lungo elenco di disastri causati dall’industria petrolifera, ognuno dei quali è di gran lunga peggiore dell’immagine delle miniere di litio in estrazione.

Esistono due fonti principali di litio e le miniere sono solo una di queste. L’altra è l’acqua salata. In altre parole, il mare. La stragrande maggioranza (87%) del litio proviene da questa fonte, il che comporta un lungo processo di evaporazione che non coinvolge affatto il lavoro minorile. C’è assolutamente un sacco di litio in giro, con vaste riserve in Cile, Australia e Cina, quindi è improbabile che si esaurisca.

E puoi scommettere che nessuna di queste persone che si lamenta del litio nei veicoli elettrici si è lamentata del suo utilizzo negli oltre sei miliardi di telefoni cellulari di proprietà nel mondo oggi, né negli oltre un miliardo di laptop.

Il cobalto è l’altro minerale raro che fa arrabbiare le persone riguardo ai veicoli elettrici e ci sono alcune valide preoccupazioni sulla sua estrazione, in particolare nella Repubblica Democratica del Congo. Tuttavia, il cobalto è stato utilizzato nella maggior parte delle batterie agli ioni di litio per decenni, quindi, come affermato sopra, se hai intenzione di criticare i veicoli elettrici, smetti prima di usare un telefono cellulare o un laptop.

Tuttavia, c’è una solida ragione finanziaria per cui i produttori di veicoli elettrici stanno riducendo e alla fine sperano di eliminare il cobalto dalle loro batterie: è estremamente costoso e uno dei principali contributori al prezzo di acquisto relativamente alto dei veicoli elettrici.

Tesla sta già pianificando un allontanamento dal cobalto nelle batterie e ci sono molti altri progetti di batterie senza cobalto o a basso contenuto di cobalto in fase di sviluppo.

I veicoli elettrici sono un pericolo di incendio

È vero che le batterie agli ioni di litio hanno caratteristiche molto diverse dai motori a combustibili fossili. Le batterie agli ioni di litio producono gas fluoruro piuttosto velenosi quando prendono fuoco, bruciano a lungo e sono difficili da spegnere, richiedendo un addestramento speciale per i vigili del fuoco.

La vera domanda, tuttavia, è quanto spesso i veicoli elettrici prendono davvero fuoco. I casi isolati di Tesla che brucia spontaneamente in California non provano nulla.

Diamo un’occhiata alle cifre. La Cina ha ordinato più controlli di sicurezza dei veicoli elettrici, ma ciò è avvenuto dopo solo 40 incendi nel 2018. Questo è stato su una flotta di 1,2 milioni di veicoli elettrici in Cina nel 2018, ovvero un incendio ogni 30.000 veicoli.

Mettendo ciò in prospettiva, negli Stati Uniti, dal 2014 al 2016 si sono verificati in media 171.500 incendi di veicoli stradali secondo un rapporto della FEMA. C’erano circa 269 milioni di auto negli Stati Uniti nel 2016, il che significa che una su 1.569 auto a combustibili fossili ha preso fuoco nel 2016, quasi 20 volte più dei veicoli elettrici in Cina nel 2018.

Le batterie EV durano solo pochi anni

Questo è uno dei miti più diffusi e uno dei più facili da sfatare. Sì, la batteria del tuo smartphone si degrada notevolmente dopo un paio d’anni. Ma lo carichi ogni giorno e il conducente medio caricherà il proprio veicolo elettrico solo poche volte al mese.

I veicoli elettrici si caricano anche in modo molto più intelligente, reintegrando solo le celle esaurite, che distribuisce il carico su molte migliaia di celle che compongono l’intero pacchetto.

I dati raccolti da molti proprietari di Tesla hanno mostrato un degrado medio della batteria di appena il 10% dopo oltre 250.000 km. La maggior parte delle auto a combustibili fossili sono già degradate molto prima di quel tipo di chilometraggio.

Questo è il motivo per cui la maggior parte dei produttori offre ora una garanzia della batteria che di solito è di circa 160.000 km o otto anni per una capacità del 70%. Non lo farebbero se pensassero seriamente che molte batterie non durerebbero così a lungo – gli costerebbe una fortuna.

Quindi, no, un veicolo elettrico che ha pochi anni avrà quasi la portata che aveva quando era nuovo, e non ci sarà nemmeno un grosso problema nel riciclare un carico di batterie EV esaurite. La maggior parte dei veicoli elettrici andrà ancora forte tra decenni.

I veicoli elettrici sono troppo costosi

L’ho lasciato per ultimo, perché molte persone ci torneranno quando tutto il resto cadrà. Da un lato, è vero. Con le batterie dei veicoli elettrici che assorbono ancora circa il 30% del costo di un veicolo elettrico e non essendo un componente di un’auto a combustibili fossili, i veicoli elettrici sono più costosi.

Di solito costano almeno 15.000/20.000 euro in più di un’auto a combustibili fossili equivalente, ed è anche peggio nel mercato dell’usato, perché i veicoli elettrici mantengono il loro valore molto meglio.

La Tesla Model S ha il valore residuo più alto di qualsiasi auto usata in Germania, ad esempio, mantenendo il 9% in più di valore dopo tre anni rispetto a qualsiasi altro marchio, di conseguenza, poiché i veicoli elettrici sono in circolazione da meno di un decennio, la fascia più economica del mercato dell’usato semplicemente non esiste ancora.

Comunque, torniamo all’argomento in questione: il costo quando è nuovo. Manca il fattore chiave. I prezzi dei veicoli elettrici stanno scendendo man mano che le batterie diventano più economiche, ma anche prima di tale riduzione devi tenere conto dei costi di manutenzione molto più bassi.

Quindi pagherai di più in anticipo, ma risparmierai un sacco dopo, e quando arriverà il momento di vendere, otterrai più valore di seconda mano rispetto a un’auto a combustibili fossili.

In altre parole, i veicoli elettrici potrebbero essere più costosi da acquistare, ma potrebbero essere più economici in 3-4 anni di proprietà, otterrai più valore di seconda mano rispetto a un’auto a combustibili fossili.

Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico, ecologista ed esperto di sviluppo sostenibile. Content creator e consulente per l’efficienza energetica, mi pongo sempre l’obiettivo di aiutare le aziende a sviluppare il proprio potenziale in ambiente digitale al fine di interfacciarsi sempre meglio ai loro clienti.

Post raccomandati