Alghe: il Nuovo Carburante del Futuro?

alghe biocarburante

Gregarsen, l’amministratore delegato di Ocean Rainforest, una azienda produttrice di alghe delle Isole Fær Øer, spiega che l’azienda possiede un impianto di coltivazione costituito da 50.000 m di funi subacquee simili a tralicci, progettate per resistere a condizioni di mare mosso.

“La struttura principale è a 10 metri di profondità. In questo modo evitiamo le onde che si infrangono più grandi”, dice.

Nonostante la remota posizione del Nord Atlantico del territorio danese, Gregarsen afferma che le acque profonde e ricche di sostanze nutritive sono adatte per la coltivazione di alghe, con una temperatura stabile compresa tra 6 ° C e 11 ° C.

La sua azienda fa parte di un’ondata di allevamenti di alghe che sono sorti in Europa e Nord America, spinti da una crescente domanda da parte dell’industria alimentare e altre.

“Hai una biomassa che può essere utilizzata per alimenti e mangimi e in sostituzione di prodotti a base fossile come il materiale di imballaggio in plastica”, afferma.

Le alghe sono alghe a crescita rapida. Utilizzano l’energia della luce solare e assorbono i nutrienti e l’anidride carbonica dall’acqua di mare. Gli scienziati suggeriscono che le alghe potrebbero aiutare a combattere i cambiamenti climatici e compensare le emissioni di carbonio.

Un futuro negli USA?

Ocean Rainforest ha recentemente vinto un finanziamento dal Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti per costruire un sistema simile in California, dove c’è interesse nello sviluppo della produzione industriale di alghe per futuri biocarburanti.

A bordo della barca da raccolta lo skipper controlla un braccio meccanico che solleva le cime dall’acqua. Le alghe vengono sminuzzate, riempiendo i contenitori. È un lavoro veloce ma disordinato. Le linee vengono quindi lasciate ricrescere. Quest’anno verranno raccolte circa 200 tonnellate.

Ma l’azienda si sta espandendo e prevede di raddoppiare la sua capacità quest’anno. Non sta ancora facendo soldi, ma si aspetta di farlo presto, dice il signor Gregarsen.

“Possiamo vedere come possiamo meccanizzare questo, come possiamo renderlo un’attività efficiente su larga scala”, dice.

“Non ci sono molte aziende che lo fanno come un’attività redditizia, se ce ne sono.”

Un’esplosione recente

La produzione di alghe è esplosa. Tra il 2005 e il 2015 i volumi sono raddoppiati, superando i 30 milioni di tonnellate all’anno, riferisce l’Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite. È un business che vale più di $ 6 miliardi in tutto il mondo.

Eppure solo una frazione della coltivazione avviene al di fuori dell’Asia, dove l’agricoltura è un’attività consolidata, ma per lo più ad alta intensità di manodopera.

Il problema della meccanizzazione

“Il costo del lavoro è davvero elevato in Europa, quindi questa è una parte importante”, spiega Annette Bruhn, scienziata senior presso l’Università di Aarhus in Danimarca.

“È necessario un grande impegno per la meccanizzazione e l’upscaling”.

Per rendere l’agricoltura economica, dice “la resa deve aumentare e il costo deve diminuire”.

Ma i sistemi di coltivazione non sono facilmente replicabili. “Diverse aree in diverse acque, tutte richiedono modifiche. Non c’è una soluzione che ci si può aspettare che vada bene per tutti”, afferma Bruhn.

Tuttavia, è fiduciosa e dice che ci sono “molte aree in cui puoi fare scoperte”.

Velocizzare la produzione

Questo è ciò che stanno cercando di fare innovatori come Sintef. Il gruppo di ricerca scientifica norvegese sta lavorando a nuove tecnologie per razionalizzare l’agricoltura.

“Ora la maggior parte delle alghe viene utilizzata per il cibo, ma in futuro vogliamo usarla per mangimi per pesci, fertilizzanti, biogas. Abbiamo bisogno di grandi volumi e dobbiamo produrre molto più velocemente”, afferma il ricercatore Silje Forbord.

Coltivazioni portoghesi

In una serie di stagni e vasche nel nord del Portogallo, AlgaPlus coltiva alghe nell’entroterra.

“È un ambiente molto più controllato”, afferma l’amministratore delegato Helena Abreu, che ritiene che ci siano più vantaggi rispetto all’agricoltura offshore.

“Manteniamo la temperatura e tutto ciò che si trova all’interno dei serbatoi”, dice. “Hai una produzione tutto l’anno.” Abreu ha co-fondato l’azienda dopo aver trascorso cinque anni come biologa marina nelle Azzorre.

La biologa Abreu non pensa che la disponibilità di terra sia un fattore limitante. Le ex saline e gli allevamenti ittici potrebbero essere riutilizzati, dice, sottolineando che ci sono ettari di disponibilità in Portogallo, Francia, Italia, Grecia e Turchia.

L’allevamento di alghe a terra avviene anche in Canada e in Sud Africa. Le microalghe vengono coltivate anche nei sistemi di serbatoi.

Una sfida da vincere

Il problema principale è il costo dell’energia poichè lavorando con i serbatoi è necessario il pompaggio e l’aerazione per mantenere l’acqua in movimento.

L’azienda non può ancora sopravvivere solo con le vendite. Ma Abreu è convinta che il mercato delle alghe continuerà a crescere.

“È una tendenza enorme”, dice. “Ogni anno ci sono sempre più aziende.”

Un nuovo carburante

Il biocarburante delle alghe non emette meno CO2 dei carburanti tradizionali, ma a differenza della benzina, estrae CO2 dall’atmosfera durante la crescita.

I ricercatori hanno in programma di aumentare la porzione utilizzata nel serbatoio del motore, convinti che nei prossimi anni si passerà ai biocarburanti.

“Vediamo molte auto elettriche entrare nel mercato, ma è una soluzione unica per le emissioni di CO2?”

“Poiché abbiamo trasporti pesanti, abbiamo navi, abbiamo aeroplani, che consumano ancora una grande quantità di combustibili fossili, abbiamo bisogno di un sostituto e forse le alghe potrebbero essere una delle soluzioni per integrare le fonti di energia rinnovabile“.

Perché le alghe possono essere considerate sostenibili? Perché crescono ovunque. Hanno bisogno solo del sole e del mare, che copre il 70% del nostro pianeta.

Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico, ecologista ed esperto di sviluppo sostenibile. Content creator e consulente per l’efficienza energetica, mi pongo sempre l’obiettivo di aiutare le aziende a sviluppare il proprio potenziale in ambiente digitale al fine di interfacciarsi sempre meglio ai loro clienti.

Post raccomandati