Che Cosa sono i Sistemi di Cattura del Carbonio?

Che cosa sono i sistemi di cattura del carbonio?

In questi giorni si è parlato molto di Elon Musk pronto a sborsare qualcosa come 100 milioni di dollari per la migliore idea su come intrappolare il carbonio. Ma esattamente che cosa sono i sistemi di cattura del carbonio?

La tecnologia in grado di impedire alle emissioni di anidride carbonica di entrare nell’atmosfera e alimentare il riscaldamento globale sarà essenziale per affrontare la crescente crisi climatica. Ma come funziona e perché farà la differenza nella lotta al cambio del clima?

Che cos’è la cattura, l’utilizzo e lo stoccaggio del carbonio (CCUS)?

Ciò si riferisce a una catena di diverse tecnologie che possono impedire all’anidride carbonica prodotta dalle principali fabbriche e centrali elettriche di raggiungere l’atmosfera e di contribuire al riscaldamento globale. Il primo passo è dotare i camini delle fabbriche di filtri per solventi, che intrappolano le emissioni di carbonio prima che fuoriescano. Il gas può quindi essere convogliato in luoghi in cui può essere utilizzato o immagazzinato. La maggior parte dell’anidride carbonica si inietta in profondità nel sottosuolo, da dove proviene in primo luogo il gas combustibile fossile. Poi la si immagazzina dove non può contribuire alla crisi climatica. Ma alcuni potrebbero essere usati per aiutare a produrre plastica, coltivare piante in serra o persino bevande gassate gassate.

Dove si utilizza la tecnologia di cattura del carbonio?

Ci sono circa 20 progetti CCUS (Carbon capture, utilisation and storage) che operano a livello commerciale. Questi, però, non sono abbastanza vicini per ripulire le emissioni di carbonio del mondo. I primi precursori sono negli Stati Uniti, Canada, Norvegia e Cina. Sebbene CCUS abbia avuto un avvio lento, 30 nuovi progetti sono nati negli ultimi tre anni, afferma l’Agenzia internazionale per l’energia. Però, ne servono molti di più per impedire alle emissioni di carbonio di riscaldare il mondo a più di 1,5 ° C rispetto ai livelli preindustriali. Nel Regno Unito sono in fase di sviluppo progetti nei pressi dell’estuario dello Humber e ad Aberdeen, la capitale dell’industria petrolifera e del gas del Mare del Nord.

Perché abbiamo bisogno della cattura del carbonio?

Secondo l’IEA, i progetti CCUS potrebbero ridurre le emissioni globali di anidride carbonica di quasi un quinto. Ciò ridurrebbe del 70% i costi per affrontare la crisi climatica. Uno dei motivi principali per cui CCUS è necessario è perché l’industria pesante – produttori di fertilizzanti, acciaierie e produttori di cemento – farebbe fatica ad adattarsi a funzionare con energia più pulita. Un altro motivo chiave per sviluppare CCUS è sbloccare il potenziale dell’idrogeno.

L’idrogeno è un gas a combustione pulita che potrebbe essere utilizzato per sostituire i combustibili fossili in aerei, treni, camion, fabbriche e persino nel riscaldamento domestico. Ma senza la cattura del carbonio utilizzata per produrre idrogeno dal gas combustibile fossile, le emissioni di carbonio verrebbero rilasciate nell’atmosfera. L’idrogeno potrebbe ancora essere prodotto scindendo le molecole d’acqua in idrogeno e ossigeno gassoso utilizzando una macchina elettrolizzante alimentata da energia rinnovabile. Questo, però, sarebbe molto più costoso.

Come stanno andando i progetti di cattura del carbonio esistenti?

In Gran Bretagna sono inciampati nel 2015 dopo che il governo ha abbandonato uno schema da 1 miliardo di sterline per avviare un progetto di cattura del carbonio insieme alle centrali elettriche a carbone a causa delle preoccupazioni sui costi. Tre anni dopo, i ministri sono tornati al tavolo con meno soldi e una nuova idea: usare invece CCUS per l’industria pesante.

Da allora, le grandi compagnie energetiche, tra cui National Grid, Drax e la compagnia petrolifera norvegese Equinor, hanno iniziato a lavorare su un progetto CCUS su vasta scala nell’area di Humber. Inoltre, diverse università britanniche ha perseguito un progetto separato ad Aberdeen.

National Grid ha affermato che le emissioni di carbonio dal sistema elettrico del Regno Unito potrebbero diventare negative già nel 2033. A patto di utilizzare la tecnologia di cattura del carbonio insieme a più energie rinnovabili per raggiungere i suoi obiettivi climatici.

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on linkedin
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico ed ecologo, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.
Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico ed ecologo, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.

Continua a leggere...

Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.