Danimarca: Stop all’Estrazione di Petrolio

Danimarca stop all'estrazione di petrolio e gas

La Danimarca ha deciso, stop all’estrazione di petrolio e gas nel Mare del Nord danese come parte di un piano per eliminare gradualmente l’estrazione di combustibili fossili entro il 2050.

Il governo danese ha votato a favore dell’annullamento dell’assegnazione delle licenze per il petrolio e il gas nel Mare del Nord del paese. Questo 80 anni dopo aver iniziato a esplorare le sue riserve di idrocarburi.

Fine alla caccia a nuove riserve di gas e petrolio

Le 55 piattaforme petrolifere e del gas esistenti in Danimarca, sparse in 20 giacimenti di petrolio e gas, potranno continuare a estrarre combustibili fossili. La decisione fondamentale è di porre fine alla caccia a nuove riserve nel bacino, ciò garantirà la fine della produzione di combustibili fossili della Danimarca.

“Siamo il più grande produttore di petrolio dell’Unione europea e questa decisione risuonerà quindi in tutto il mondo”, ha detto il ministro del clima danese, Dan Jørgensen. “Stiamo ora ponendo fine all’era dei fossili”.

Helene Hagel di Greenpeace Danimarca ha descritto il voto parlamentare come “un momento di svolta“. Ciò consentirà al paese di “affermarsi come un leader verde e ispirare altri paesi a porre fine alla dipendenza dalle fossili che distruggono il clima”.

Ha detto: “Questa è un’enorme vittoria per il movimento per il clima e per tutte le persone che hanno spinto per molti anni a realizzarla”.

La Danimarca ha iniziato l’esplorazione di petrolio e gas nel 1972 e le sue entrate nel Mare del Nord hanno contribuito a renderla una delle nazioni più ricche d’Europa. Nell’ultimo decennio il governo si è concentrato sull’energia pulita. Si vedano i parchi eolici offshore costruiti dall’ex compagnia petrolifera statale del paese, che ha cambiato il marchio da Dong Energy a Ørsted.

La pressione danese sul Regno Unito

Il governo danese stima che la decisione di eliminare gradualmente la produzione di petrolio e gas costerà alle casse del governo 13 miliardi di corone danesi (1,73 miliardi di euro) in mancate entrate.

La Danimarca ha prodotto l’equivalente di 103.000 barili di petrolio e gas al giorno nel 2019. Il Regno Unito ha prodotto 1,7 milioni di barili di petrolio equivalente lo scorso anno, la Norvegia ha prodotto 1,8 milioni di barili al giorno.

La decisione di fissare una scadenza a lungo termine per la produzione di petrolio e gas aumenterà la pressione su Boris Johnson, a seguirne l’esempio. Infatti, il paese si prepara a guidare gli sforzi per affrontare la crisi climatica ai colloqui sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow l’anno prossimo.

“Questo è l’aspetto della leadership per il clima”, ha detto Mel Evans, un attivista senior per il clima di Greenpeace UK. “Tutti gli occhi saranno puntati sul Regno Unito il prossimo anno mentre ospiteremo colloqui cruciali sul clima, quindi il nostro primo ministro dovrebbe prenderne atto. Se Johnson vuole tenere il passo e costruire uno slancio globale per la transizione verso l’energia pulita, deve annullare il prossimo round di licenze per petrolio e gas, porre fine a tutte le esplorazioni future e abbandonare l’obbligo legale di estrarre il più possibile dal bacino del Mare del Nord. “

L’esempio di Danimarca, Francia e Nuova Zelanda

La Danimarca è la seconda nazione europea a porre fine alla nuova esplorazione di petrolio e gas, ma il primo grande produttore di combustibili fossili. Nel 2017 la Francia è diventata il primo paese al mondo ad eliminare gradualmente l’esplorazione e la produzione sui suoi territori continentali e d’oltremare entro il 2040. La Nuova Zelanda ha seguito l’esempio un anno dopo, ponendo fine a tutti i nuovi permessi di esplorazione di petrolio e gas.

Il thinktank IPPR ha invitato i governi britannico e scozzese all’inizio di questa settimana a eliminare gradualmente la produzione di petrolio e gas attraverso una serie di obiettivi quinquennali in calo e ad abolire una politica controversa che invita le società del Mare del Nord a estrarre tanto petrolio e gas.

Deirdre Michie, amministratore delegato di Oil and Gas UK, ha dichiarato al Guardian che una scadenza rigida per la produzione di petrolio e gas – simile al divieto di vendita di nuovi veicoli a combustibili fossili dal 2030 – sarebbe uno “strumento contundente” che potrebbe portare a “conseguenze non intenzionali” per gli investimenti e migliaia di posti di lavoro che dipendono dal settore.

Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico ed ecologista, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.
Lo sviluppo dell'eolico offshore

Lo Sviluppo dell’Eolico Offshore

Il mercato delle energie rinnovabili sta acquisendo slancio, vediamo in particolare quali sono le prospettive dello sviluppo dell’eolico offshore. Il mercato globale dell’eolico offshore è

Leggi altro »
Asia Leader delle Batterie

Asia Leader delle Batterie

Diamo un’occhiata alla rapida espansione del mercato delle batterie, vedendo come l’Asia sia leader delle batterie sia a livello di sviluppo tecnologico che di utilizzo.

Leggi altro »