Il Giappone alimenta il Sogno dell’Auto a Idrogeno

Il Giappone alimenta il Sogno dell'Auto a Idrogeno

La berlina Mirai recentemente rilanciata da Toyota Motor Corp segnala il suo costante impegno nei confronti dei veicoli a celle a combustibile a idrogeno, ma la tecnologia avrà bisogno di più sostegno del governo sulla falsariga di quella fornita in Giappone se vuole ottenere un appeal di massa, dicono gli analisti. Per adesso il Giappone alimenta il sogno dell’auto a idrogeno, cercando di fare da apripista per gli altri paesi.

Sia i produttori che i consumatori sono stati riluttanti ad abbracciare le auto alimentate a idrogeno. Il primo modello Mirai, lanciato nel novembre 2014, ha venduto solo 11.000 unità in tutto il mondo.

Il principale ostacolo è la mancanza di stazioni di rifornimento di idrogeno, una questione che richiede la partecipazione delle compagnie petrolifere e del gas e dei governi locali. Ma con un numero di vendite così basso, mancano gli incentivi per costruire infrastrutture così costose.

Il Giappone illumina la strada dell’idrogeno

Toyota inizialmente ha rilasciato la Mirai solo in California, sede della maggior parte delle stazioni di rifornimento di idrogeno degli Stati Uniti, e in Giappone, uno dei leader mondiali nelle tecnologie dell’idrogeno.

Il Giappone ha la più grande rete di rifornimento di idrogeno al mondo con 137 stazioni a dicembre 2020, secondo il Centro giapponese per la promozione dei veicoli di nuova generazione. Il governo ha stanziato 70 miliardi di yen per promuovere l’idrogeno nell’anno fiscale che inizia ad aprile, con 30 miliardi di yen stanziati per l’acquisto di sussidi di veicoli a celle a combustibile a idrogeno, o FCV, e la costruzione di stazioni di rifornimento.

Il governo giapponese punta sui veicoli a idrogeno per raggiungere la neutralità del carbonio entro il 2050. Ha fissato un obiettivo ambizioso di avere 200.000 FCV su strada entro il 2025, rispetto a circa 3.600 nel 2019, insieme a 320 stazioni di rifornimento di idrogeno nell’ambito della sua terza roadmap strategica per Idrogeno e celle a combustibile.

Sfida tra Toyota, Honda e Hyundai

Toyota e Honda Motor Co.Ltd. con sede in Giappone sono state pioniere nei modelli commerciali a idrogeno per passeggeri, ma anche la rivale sudcoreana Hyundai Motor Co. è entrata nella mischia, incoraggiata dai piani del proprio governo di produrre 6,2 milioni di FCV e costruirne almeno 1.200 stazioni di rifornimento entro il 2040.

Tuttavia, l’iniziativa del Giappone di stimolare la catena del valore dell’idrogeno oltre il settore automobilistico ne fa un esempio più riuscito di altri. Il Giappone è stato migliore di altri nel tentativo di mostrare le diverse applicazioni dell’idrogeno, come il riscaldamento degli alloggi e la decarbonizzazione delle industrie.

Inoltre, il Giappone ha oltre 50 anni di esperienza nelle importazioni di gas naturale liquido con una vasta esperienza nella produzione di gas, impianti di liquefazione e spedizioni. La posizione della nazione come il più grande importatore mondiale di GNL può essere sfruttata per sviluppare la rete di fornitura di idrogeno.

I veicoli pesanti a idrogeno

La Cina ha dato la priorità allo sviluppo di autocarri pesanti alimentati a idrogeno. Il governo nel novembre 2020 ha lanciato un piano di 15 anni per sviluppare la sua catena di approvvigionamento di celle a combustibile e camion e autobus alimentati a idrogeno con l’obiettivo di avere 1 milione di FCV in funzione entro il 2030.

I veicoli elettrici a celle a combustibile per servizio medio e pesante sono meno limitati dalle stazioni di rifornimento limitate in quanto possono rifornirsi lungo rotte a lungo raggio designate o negli hub centrali. Il loro utilizzo in ambienti controllati, come nei porti e nelle fabbriche, presenta anche uno scenario migliore nella gestione del rischio.

Quasi tutte le case automobilistiche hanno messo i veicoli elettrici a batteria al centro delle loro strategie di elettrificazione. Questo grazie al loro costo inferiore e alla migliore infrastruttura di ricarica. Ci sono circa 30.000 stazioni di ricarica per veicoli elettrici negli Stati Uniti rispetto a circa 50 stazioni di rifornimento di idrogeno.

Gli incentivi per l’idrogeno

Sarà difficile per l’Europa raggiungere il suo obiettivo di decarbonizzazione del 30% senza l’utilizzo di camion alimentati a idrogeno.

Per ora, il rilancio della Mirai offre a Toyota un’altra opportunità per stuzzicare l’appetito degli appassionati di auto a idrogeno. La sua gamma è passata da 650 km a 850 km e sarà venduta a un prezzo più interessante.

Gli acquirenti giapponesi avranno 1 milione di yen scalati dal prezzo di partenza di 7,1 milioni di yen, grazie ai sussidi. In California, il Mirai parte da 45.500 dollari. C’è uno sconto statale di 4.500 dollari più ulteriori incentivi tra cui finanziamenti a tasso zero e crediti carburante.

Il prezzo più basso e la portata più lunga sono i maggiori vantaggi della Mirai 2021. Poiché la competitività dei costi è la chiave per la penetrazione del mercato, questa riduzione dei prezzi potrebbe accelerare sostanzialmente l’adozione da parte dei consumatori.

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on linkedin
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico ed ecologo, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.
Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico ed ecologo, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.

Continua a leggere...

Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.