L’auto Elettrica e il Sogno della Batteria a Grafene

batteria grafene

L’azienda spagnola «Graphenano» ha presentato, insieme al suo partner cinese «Chint», batterie realizzate con un polimero di grafene che, se utilizzate nei veicoli elettrici, consentirebbero un’autonomia di 800 chilometri. Inoltre, occupa tra il 20 e il 30% in meno di una batteria al litio e può essere ricaricata in soli 5 minuti. In pratica, ciò rappresenta un vero e proprio sogno per l’auto elettrica, che renderebbe la corsa alle fonti di energia rinnovabile sempre più veloce anche nel settore automotive.

Ma che cos’è il grafene?

Il grafene è un nanomateriale formato da carbonio puro, con atomi disposti secondo uno schema esagonale regolare, simile alla grafite. Le sue caratteristiche sono durezza, flessibilità ed elasticità.

È trasparente, ha una conducibilità termica ed elettrica molto elevata, è leggero e genera elettricità quando viene raggiunto dalla luce.

Quali sono le caratteristiche della batteria a grafene e quali saranno le possibili applicazioni ?

Le batterie Grabat presentate dal presidente e CEO di Graphenano, Martín Martínez, sono destinate ad essere utilizzate come batterie domestiche – per essere autosufficienti – in veicoli elettrici (sia auto che biciclette), droni o persino pacemaker.

Le batterie Grabat, che sono prodotte a Yecla (Murcia), hanno una densità di 1.000 Wh / kg e una tensione di 2.3v e. Analizzate dagli organismi indipendenti TÜV e Dekra, non sono esplose, come può accadere con una batteria al litio. Inoltre, dopo essere state cortocircuitate, sono tornate a lavorare con il 60% del carico.

Queste batterie hanno un potenziale enorme, poiché, se la rete elettrica lo consente, si potrebbe caricare un veicolo in 5 minuti, con il quale si può guidare – nel caso di un’auto ultracompatta – per 800 chilometri. Basti pensare Tesla offre 400 chilometri di autonomia mentre una Nissan Leaf o una Renault Zoe solo 250.

Potrebbe anche raggiungere un’autonomia di oltre 1.000 chilometri, a seconda dell’auto. Nel caso dell’auto sub-compatta, il peso di quella batteria non raggiungerebbe i 100 chilogrammi.

Inoltre, la batteria di grafene è modulabile, quindi è possibile lavorare con diverse case automobilistiche e compagnie aeree, come Airbus, in modo che possano adattarla ai loro prodotti e decidere l’autonomia e la capacità di ricarica che desiderano.

Parlando di prezzi, si assicura che saranno simili a quelli di una batteria al litio, perché la cosa più importante è che la batteria sia redditizia e possa essere commercializzata per diventare “terza rivoluzione industriale”.

La sua vita utile è 4 volte superiore a quella al litio e la carica può essere induttiva.

Una collaborazione universitaria

Per lo sviluppo delle batterie Grabat, hanno collaborato con le Università di Córdoba e Ciudad Real. Le batterie domestiche hanno una potenza di 24 kW (tre volte di più e occupa tre volte meno di quelle attuali).

La produzione in Spagna e Cina sarà possibile grazie al contributo del Gruppo Chint, multinazionale cinese specializzata in automazione, generazione elettrica e produzione di pannelli solari.

Il progetto di industrializzazione delle batterie prevede due fasi. La prima, con un investimento di 30 milioni di euro, consentirà la costruzione di 20 linee di produzione nello stabilimento di Yecla (Murcia, Spagna) che produrrà 80 milioni di celle all’anno.

La seconda fase comporterà un investimento di 350 milioni di euro per realizzare lo stabilimento più grande, che darà lavoro a 7.000 persone. Si prevede un picco di fatturazione di 3.000-4.000 milioni di euro.

Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico, ecologista ed esperto di sviluppo sostenibile. Content creator e consulente per l’efficienza energetica, mi pongo sempre l’obiettivo di aiutare le aziende a sviluppare il proprio potenziale in ambiente digitale al fine di interfacciarsi sempre meglio ai loro clienti.

Post raccomandati