L’Italia, la Transizione Ecologica e il Gas

L'Italia, la transizione ecologica e il gas

Il fisico Roberto Cingolani, ministro della transizione ecologica del governo Draghi, ha già elogiato il gas come “la risorsa più sostenibile”. Ma è davvero così? Scopriamo l’intricato rapporto tra l’Italia, la transizione ecologica e il gas.

Cingolani e i fondi green

Cingolani deciderà come l’Italia spenderà la sua quota di 82 miliardi di euro di fondi per la ripresa dell’UE destinati a progetti green. L’Italia è il maggior destinatario del fondo di recupero da 672 miliardi di dollari dell’UE, ricevendo 222 miliardi di euro o quasi il 30% dell’intero pacchetto.

Questa è la prima volta che un primo ministro italiano ha abbracciato pienamente – come priorità di alto livello e intergovernativa – la nozione di ambientalismo, come ha fatto Draghi.

La creazione del ministero, che assume responsabilità di politica energetica precedentemente condivise con altri dipartimenti, è stata lodata dal ministro spagnolo per la transizione ecologica Teresa Ribera. Il Portogallo e la Francia hanno ministeri simili.

Cingolani presiederà un nuovo comitato interministeriale per la transizione ecologica. Si unisce al governo dopo l’esperienza presso Leonardo-Finmeccanica, dove era chief technology officer.

Fino alla sua nomina, ha scritto una rubrica sul clima per il quotidiano italiano La Repubblica, dove ha avvertito che il cambiamento climatico rischiava di trasformare in realtà il film distopico di Kevin Costner Waterworld. In un suo articolo, ha affermato che l’Unione europea è stata l’unica economia avanzata ad aver ridotto significativamente le proprie emissioni di carbonio dal 2008. Nel frattempo, ha criticato gli Stati Uniti per il loro alto livello di emissioni pro capite e il loro lento tasso di declino, e Cina e India per le loro crescenti emissioni.

“Il gas metano il male minore”

Cingolani ha già sostenuto in precedenza il gas metano. Nel febbraio 2020, ha dichiarato alla rivista interna della compagnia petrolifera Eni che mentre i combustibili fossili “sono molto inquinanti”, anche le energie rinnovabili erano difettose.

“Al momento”, ha concluso, “il gas è uno dei mali minori. Nel medio e lungo termine è la risorsa più sostenibile ”.

Per questi commenti gli ambientalisti sono scettici sulla sua nomina e tutti gli occhi saranno puntati sul suo approccio al gas.

Il gas ha prodotto circa la metà dell’elettricità italiana nel 2019, con le rinnovabili che generano la maggior parte del resto della sua produzione di elettricità. Gli attivisti di Greenpeace hanno invitato Draghi a rafforzare le ambizioni climatiche del suo predecessore Giuseppe Conte. Dicono che l’Italia dovrebbe aumentare il suo obiettivo di elettricità rinnovabile per il 2030 dal 55% al 70% e investire in infrastrutture di ricarica dei veicoli per raggiungere il suo obiettivo per il 2030 di sei milioni di veicoli elettrici.

Draghi per una Italia sempre più green

Per quanto riguarda i trasporti, il nuovo ministro delle infrastrutture e dei trasporti Enrico Giovannini era già un sostenitore della sostenibilità e vuole aiutare a combattere “l’enorme problema italiano dell’inquinamento atmosferico nelle città”.

L’Italia ospita il vertice dei leader del G20 a ottobre e il governo dell’ex primo ministro Conte si è impegnato a fare dell’azione per il clima una delle sue tre priorità.

Nello stesso mese, l’Italia ospita un vertice sul clima dei leader giovanili e una conferenza pre-Cop sul clima a Milano prima dei colloqui ufficiali sul clima delle Nazioni Unite a Glasgow, nel Regno Unito, a novembre.

Sembra, dunque, che Draghi rafforzerà gli obiettivi climatici di Conte, resta da vedere cosa accadrà riguardo al gas. Ma soprattutto come si comporteranno le compagnie petrolifere e del gas?

Leggi anche: I Produttori di Petrolio e Gas nelle Rinnovabili?

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on linkedin
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico ed ecologo, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.
Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico ed ecologo, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.

Continua a leggere...

SDG 14: VITA SOTT’ACQUA

SDG 14: Vita sott’acqua

L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, adottata da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite nel 2015, fornisce un modello condiviso per la pace e

Leggi altro »
Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.