Metanolo Rinnovabile

Metanolo Rinnovabile

Il metanolo svolge un ruolo importante nell’industria chimica ed è un combustibile energetico emergente attualmente prodotto principalmente da combustibili fossili. Una transizione al metanolo rinnovabile – derivato dalla biomassa o sintetizzato da idrogeno verde e anidride carbonica (CO2) – potrebbe espandere l’uso del metanolo come materia prima chimica e combustibile spostando i settori industriali e dei trasporti verso obiettivi netti di carbonio neutro. Il costo della produzione di metanolo rinnovabile è attualmente elevato e i volumi di produzione sono bassi. Ma con le giuste politiche, il metanolo rinnovabile potrebbe essere competitivo in termini di costi entro il 2050 o prima.

Che cos’è il metanolo?

Il metanolo è un prodotto chiave nell’industria chimica. Viene utilizzato principalmente per la produzione di altri prodotti chimici come formaldeide, acido acetico e plastica. Ogni anno vengono prodotte circa 98 milioni di tonnellate (Mt), la quasi totalità delle quali è prodotta da combustibili fossili (gas naturale o carbone).

Le emissioni del ciclo di vita dell’attuale produzione e utilizzo di metanolo sono di circa 0,3 gigatonnellate (Gt) di CO2 all’anno (circa il 10% delle emissioni totali del settore chimico).
La produzione di metanolo è quasi raddoppiata negli ultimi dieci anni, con una quota importante di tale crescita in Cina. Secondo le tendenze attuali, la produzione potrebbe salire a 500 Mt all’anno entro il 2050, rilasciando 1,5 Gt di CO2 all’anno se proveniente esclusivamente da combustibili fossili.
Il costo di produzione di metanolo a base di combustibili fossili è compreso tra 100 e 250 USD per tonnellata (t).

Come si produce il metanolo rinnovabile?

Il metanolo rinnovabile può essere prodotto utilizzando energia rinnovabile e materie prime rinnovabili attraverso due percorsi:

  • Il bio-metanolo è prodotto dalla biomassa. Le principali potenziali materie prime sostenibili da biomassa includono: rifiuti e sottoprodotti forestali e agricoli, biogas dalle discariche, acque reflue, rifiuti solidi urbani e black liquor dall’industria della pasta di legno e della carta.
  • L’e-metanolo verde si ottiene utilizzando la CO2 catturata da fonti rinnovabili (bioenergia con cattura e stoccaggio del carbonio e cattura diretta dell’aria) e l’idrogeno verde, cioè l’idrogeno prodotto con elettricità rinnovabile.

Ogni anno vengono prodotti meno di 0,2 Mt di metanolo rinnovabile, principalmente come bio-metanolo. Il metanolo prodotto da entrambe le vie è chimicamente identico al metanolo prodotto da fonti di combustibili fossili.
L’interesse per il metanolo rinnovabile è guidato dalla necessità di mitigare il cambiamento climatico riducendo o eliminando sostanzialmente le emissioni di CO2. Ciò implica raggiungere emissioni nette di carbonio neutro in tutti i settori dell’economia entro la metà del secolo.
Il metanolo a basse emissioni potrebbe svolgere un ruolo più importante nella decarbonizzazione di alcuni settori in cui le opzioni sono attualmente limitate. In particolare, come materia prima nell’industria chimica o come carburante nei trasporti stradali o marittimi.

Costi di produzione del biometanolo

Poiché la produzione è attualmente bassa, sono disponibili dati limitati sui costi effettivi, il che significa che i costi potenziali devono essere stimati. Il costo di produzione del bio-metanolo dipenderà dal costo della bio-materia prima, dal costo dell’investimento e dall’efficienza dei processi di conversione. I costi delle materie prime per biomasse e rifiuti solidi urbani variano tra 0 USD e 17 USD per gigajoule (GJ).
Con un intervallo di costo delle materie prime inferiore fino a 6 USD / GJ, il costo del bio-metanolo è stimato essere compreso tra 320 USD / t e 770 USD/t, con l’intervallo influenzato dalle differenze nei progetti specifici.

Con i miglioramenti del processo, la fascia di costo potrebbe essere ridotta tra 220 USD / t e 560 USD / t per la fascia di prezzo delle materie prime inferiore fino a 6 USD / GJ, con una gamma corrispondentemente più alta per la fascia di prezzo delle materie prime più alta.
La produzione di bio-metanolo dai flussi di rifiuti di altri processi industriali (es. black liquors da cartiere e rifiuti solidi urbani) in particolare offre opportunità per semplificare la logistica delle materie prime e migliorare l’economia complessiva dell’impianto. Co-produzione di calore, elettricità o altre sostanze chimiche potrebbero anche potenzialmente migliorare l’economia della produzione di bio-metanolo.

A breve termine la biomassa potrebbe essere co-alimentata in un gassificatore a carbone o il biogas alimentato in un impianto di metanolo a gas naturale. Questo consentirebbe l’introduzione graduale della biomassa come materia prima, rendendo la produzione di metanolo più sostenibile a un costo potenzialmente inferiore.

Costi di produzione dell’e-metanolo verde

Il costo dell’e-metanolo dipende in larga misura dal costo dell’idrogeno e della CO2. Il costo della CO2 dipende dalla fonte da cui viene catturata, ad es. da biomasse o processi industriali.
Si stima che l’attuale costo di produzione dell’e-metanolo sia compreso tra 800 e 600 USD / t, supponendo che la CO2 provenga da BECCS (bioenergia) a un costo di 10-50 USD / t. Se la CO2 è ottenuta da DAC (cattura diretta dall’aria), dove i costi sono attualmente 300-600 USD / t, i costi di produzione di e-metanolo sarebbero compresi nell’intervallo 1 200-2 400 USD / t.
Il costo futuro della produzione di idrogeno verde dipende principalmente dalla riduzione dei costi delle rinnovabili.

Con la prevista diminuzione dei prezzi delle energie rinnovabili, il costo dell’e-metanolo dovrebbe scendere a livelli compresi tra 250-630 USD / t entro il 2050.
Come nel caso del bio-metanolo, la co-produzione fossile e verde di metanolo potrebbe consentire l’introduzione graduale di e-metanolo verde a un costo ragionevole.

Vantaggi e sfide per il metanolo rinnovabile

Il metanolo rinnovabile può essere prodotto da una varietà di materie prime sostenibili, come biomassa, rifiuti o CO2 e idrogeno. Il suo utilizzo al posto dei combustibili fossili può ridurre le emissioni di gas serra (GHG) e in alcuni casi può anche ridurre altre emissioni nocive (ossidi di zolfo [SOx], ossidi di azoto [NOx], particolato [PM] ecc.)
È un carburante versatile che può essere utilizzato nei motori a combustione interna e nei veicoli e nelle navi ibride e a celle a combustibile. Ha temperatura e pressione ambiente, così è semplice da immagazzinare, trasportare e distribuire. È compatibile con l’infrastruttura di distribuzione esistente e può essere miscelato con combustibili convenzionali.

Tecnologie quasi identiche collaudate e completamente commerciali vengono utilizzate per produrre metanolo da gas di sintesi a base di combustibili fossili e possono essere utilizzate per la produzione di bio- ed e-metanolo.
Attualmente il principale ostacolo all’assorbimento di metanolo rinnovabile è il suo costo. Infatti, costa di più rispetto alle alternative a base di combustibili fossili e tale differenza di costo persisterà per un po’ di tempo a venire. Tuttavia, il suo valore sta nel potenziale di riduzione delle emissioni rispetto alle opzioni esistenti.

Affrontare le differenze di processo e facilitare l’aumento della produzione e dell’uso può aiutare a ridurre i costi, ma richiederà una varietà di interventi politici. Con i giusti meccanismi di supporto e con le migliori condizioni di produzione, il metanolo rinnovabile potrebbe avvicinarsi al costo e al prezzo attuali del metanolo dai combustibili fossili.

Fonte (Innovation Outlook: Renewable Methanol-2021-IRENA)

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on linkedin
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico ed ecologo, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.
Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico ed ecologo, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.

Continua a leggere...

Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.