Lo Sviluppo Energetico Globale del 2050

Lo sviluppo energetico globale del 2050

L’Agenzia Internazionale per le Energie Rinnovabili (IRENA) ha esplorato le opzioni di sviluppo energetico globale da due prospettive principali fino all’anno 2050. La prima è un percorso energetico stabilito dalle politiche attuali e pianificate (il caso di riferimento), e la seconda basata in gran parte su una più ambiziosa, ma realizzabile, diffusione delle energie rinnovabili e delle misure di efficienza energetica (il caso REmap). Qui analizzeremo i punti basici che ci porteranno verso uno sviluppo energetico globale nel 2050 in grandissima parte basato sulle energie rinnovabili.


Per il caso REmap consideriamo una diffusione più rapida di tecnologie a basse emissioni di carbonio, basate in gran parte sull’energia rinnovabile e sull’efficienza energetica, che si traduce in una trasformazione nell’uso dell’energia per mantenere l’aumento delle temperature globali di questo secolo ben al di sotto di 2 ° C e più vicino a 1,5 ° C rispetto ai livelli preindustriali.

Le considerazioni successive tengono conto del modello REmap.

Rapido calo dei costi delle energie rinnovabili

Il calo del costo dell’elettricità da progetti solari fotovoltaici (FV) su scala industriale dal 2010 è stato notevole: tra il 2010 e il 2018 il costo globale livellato medio ponderato dell’elettricità (LCOE) da solare fotovoltaico è diminuito del 77%.

Miglioramenti della qualità dell’aria

L’inquinamento atmosferico è un grave problema di salute pubblica poiché è causato principalmente da fonti energetiche non regolamentate, inefficienti e inquinanti. Il passaggio a fonti energetiche rinnovabili pulite migliorerebbe la qualità dell’aria nelle città e porterebbe una maggiore prosperità riducendo i problemi di salute e aumentando la produttività.

Riduzione delle emissioni di carbonio

Il divario tra le emissioni osservate e le riduzioni necessarie per raggiungere gli obiettivi climatici concordati a livello internazionale si sta allargando. La trasformazione del sistema energetico globale deve accelerare in modo sostanziale per raggiungere gli obiettivi dell’Accordo di Parigi, che mirano a mantenere l’aumento delle temperature medie globali più vicino a 1,5 gradi Celsius (° C) nel secolo attuale, rispetto al livello preindustriale . Una riduzione del 70% delle emissioni legate all’energia sarebbe necessaria entro il 2050 rispetto ai livelli attuali.
Quindi, trasformare il sistema energetico globale migliorerebbe anche la sicurezza energetica e accrescerebbe l’accesso universale e accessibile all’energia. Per i paesi fortemente dipendenti dai combustibili fossili importati, la sicurezza energetica è un problema significativo.

Il ruolo del fotovoltaico

Per impostare il mondo su un percorso verso il raggiungimento degli obiettivi dell’accordo di Parigi, le emissioni di CO₂ legate all’energia devono essere ridotte di circa il 3,5% all’anno da qui al 2050. Con riduzioni continue in seguito. La trasformazione energetica aumenterebbe anche il prodotto interno lordo del 2,5% e l’occupazione totale dello 0,2% a livello globale entro il 2050.
La quota di elettricità nel consumo finale di energia aumenterebbe dall’attuale 20% a quasi il 50% entro il 2050. La quota di elettricità consumata nell’industria e negli edifici raddoppierebbe. Nel settore dei trasporti aumenterebbe dall’1% di oggi a oltre il 40% entro il 2050.
Il solare, insieme all’energia eolica, aprirebbe la strada alla trasformazione del settore elettrico globale. La capacità cumulativa installata di solare fotovoltaico aumenterebbe a 8 519 GW entro il 2050. Ciò le permetterebbe di diventare la seconda fonte più importante (dopo l’eolico) entro il 2050.

I fattori chiave per la trasformazione energetica presentati in questa figura si basano sul caso REmap di IRENA entro il 2050 rispetto ai livelli attuali.

Fonte (IRENA-Future of Solar PV 2019)

Ti piace? Condividilo con i tuoi amici

Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter
Share on facebook
Facebook
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on linkedin
Share on twitter
Share on facebook
Share on whatsapp
Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico ed ecologo, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.
Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico ed ecologo, studio con grande passione le energie rinnovabili per avere, giorno dopo giorno, un quadro sempre più chiaro del mercato energetico e di tutte le tecnologie pronte ad imporsi nel prossimo futuro.

Continua a leggere...

SDG 14: VITA SOTT’ACQUA

SDG 14: Vita sott’acqua

L’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, adottata da tutti gli Stati membri delle Nazioni Unite nel 2015, fornisce un modello condiviso per la pace e

Leggi altro »
Questo Sito utilizza alcuni tipi di cookie necessari per il corretto funzionamento dello stesso. Se vuoi saperne di più o negare il consenso consulta la Cookie Policy. Cliccando su Accetta, acconsenti all’utilizzo dei Cookie.