I Treni austriaci spinti dall’Idrogeno

I Treni austriaci spinti dall'Idrogeno

I passeggeri ferroviari in Austria parteciperanno a una prova di un treno a celle a combustibile a idrogeno, segno evidente che lo sviluppo della tecnologia che potrebbe cambiare il modo in cui i sistemi di trasporto pubblico operano continua a crescere a ritmo costante. È dunque cominciato il test dei treni austriaci a idrogeno e c’è molta curiosità a riguardo.

In una dichiarazione alla fine della scorsa settimana, ÖBB (Ferrovie Federali Austriache) ha reso noto che il treno entrerà in servizio nelle zone meridionali della Bassa Austria, con la “fase di test” che dovrebbe continuare “almeno fino alla fine di novembre 2020. ” Il treno ha iniziato a trasportare passeggeri a settembre e questo test verrà utilizzato per valutare, tra le altre cose, il modo in cui opera su percorsi alpini impegnativi.

Silenzioso e green

Costruito dalla società di trasporti europea Alstom, Coradia iLint sfrutta la tecnologia delle celle a combustibile per trasformare ossigeno e idrogeno in elettricità. Secondo l’azienda, può raggiungere velocità fino a 140 chilometri orari, è silenzioso ed “emette solo vapore e acqua”.

Il Coradia iLint ha già trasportato passeggeri in alcune parti della Germania ed è stato sottoposto a dieci giorni di test su un tratto ferroviario di 65 chilometri nei Paesi Bassi all’inizio di quest’anno.

Una possibile alternativa

In una dichiarazione rilasciata durante un evento di lancio nella capitale austriaca di Vienna la scorsa settimana, il CEO di Alstom per la Germania e l’Austria, Jörg Nikutta, ha affermato che “la tecnologia di trasmissione a emissioni zero del treno” offre “un’alternativa rispettosa del clima ai treni diesel convenzionali, in particolare su linee non elettrificate. “

Infatti, mentre alcuni treni sono alimentati utilizzando l’elettricità, altri si affidano ancora al diesel per effettuare i loro viaggi. Questa situazione è tutt’altro che ideale poiché i governi mondiali stanno cercando di migliorare la qualità dell’aria e ridurre la dipendenza dai combustibili fossili. Chiaramente, l’obiettivo principale è mirare verso l’impiego delle fonti di energia rinnovabile.

Non solo trasporti

Il Coradia iLint fa parte di una piccola ma crescente selezione di metodi di trasporto alimentati a idrogeno. La capitale del Regno Unito, Londra, ospita un piccolo numero di autobus a idrogeno. Inoltre, le principali case automobilistiche Toyota e Honda si sono entrambe immerse nel mercato delle celle a combustibile a idrogeno.

La tecnologia delle celle a combustibile a idrogeno non si limita alle soluzioni di mobilità. Questo mese è stato annunciato un cantiere per un importante progetto infrastrutturale nel Regno Unito che utilizza una cella a idrogeno. Questa cella ha zero emissioni e così si elimina la necessità di generatori diesel. Altrove, JCB, un importante produttore di attrezzature per l’edilizia, afferma di aver sviluppato un escavatore alimentato a idrogeno.

La rincorsa all’idrogeno

Negli ultimi anni, alcune importanti aziende hanno lanciato piani incentrati sulla produzione di idrogeno. Proprio la scorsa settimana, l’azienda francese Engie ha dichiarato che collaborerà con ArianeGroup allo sviluppo di “idrogeno liquido rinnovabile”.

Anche quest’estate, il produttore spagnolo di petrolio e gas Repsol ha annunciato l’intenzione di sviluppare un impianto che utilizzerà anidride carbonica e idrogeno verde per generare combustibili a emissioni nette zero.

Il maggiore energetico norvegese Equinor ha rilasciato i dettagli di un importante progetto con sede nel Regno Unito. Questo progetto combinerà la generazione di idrogeno con la cattura e lo stoccaggio del carbonio.

Domenico Buoniconti

Domenico Buoniconti

Astrofisico, ecologista ed esperto di sviluppo sostenibile. Content creator e consulente per l’efficienza energetica, mi pongo l’obiettivo di aiutare le aziende a sviluppare il proprio potenziale in ambiente digitale al fine di interfacciarsi sempre meglio ai loro clienti.